Via Dantis

PURGATORIO VIII

La Via Dantis® è una rappresentazione teatrale oggi usufruibile anche in libro e in film.

Massima espressione di sintesi della Lectura Dantis Lunigianese, si sviluppa sulla falsa riga della Via Crucis della cristianità.

Creata nel 2005 dal dantista spezzino Mirco Manuguerra, essa rappresenta una soluzione di lectura dantis itinerante risolta in nove Stazioni. L’idea è quella di  accompagnare gli spettatori, riuniti in gruppi, dalla Selva Oscura” alla “Visio Dei” attraverso un percorso in cui il dantista (che interviene in prima persona in momenti opportuni), coadiuvato da un gruppo di musici e voci recitanti, prende idealmente per mano gli spettatori conducendoli attraverso l’intero percorso ultramondano del Poema dell’Uomo.

Le tappe delle lecture permettono al pubblico di vivere l’esperienza di una traccia completa dell’esperienza del Poema Sacro sviluppata in una chiave esegetica prettamente neoplatonica (M. Manuguerra, Nova lectura dantis, 1996).

Massimi risultati dell’opera sono: la dicotomia Caronte/Virgilio risolta come il contrasto tra Pazzia e Ragione; la conseguente interpretazione del “Folle volo” di Ulisse come prodotto diretto del “Folle consiglio” di Caronte; la traccia di una straordinaria Poetica del Volo capace di unire gli stessi Caronte e Ulisse a personaggi sublimi come l’Angelo Nocchiero e la Vergine Maria e dunque un percorso potentissimo che fa della Commedia/Veltro una suprema messaggera di Pace Universale (Purgatorio VIII).

Al di fuori della rappresentazione canonica dell’Anno Dantesco (il sabato sera fine settimana più vicino al Ferragosto nel grande parco monumentale del Monastero di S. Croce, a Bocca di Magra), lo spettacolo viene generalmente offerto in riduzione per dantista e voce recitante.